Il Giappone autorizza formalmente le case in affitto per i brevi periodi

Data di pubblicazione :

Un semitono luce verde

Il parlamento giapponese ha appena approvato una legge che stabilisce un quadro giuridico per l'affitto di abitazioni private, un settore in espansione negli ultimi anni

Airbnb, Japan Experience e altri operatori di noleggio abitazioni private possono ora sviluppare il proprio business in Giappone senza il rischio di incorrere in ostacoli giuridici. Questo è il risultato di una legge che stabilisce le regole per l'affitto di case private, adottato da ha la camera alta della Dieta (l'equivalente del Parlamento) del Giappone, Venerdì 9 giugno 2017.

Questa legislazione "Airbnb" consente ufficialmente ai proprietari di affittare le loro casa. Buone notizie poi che   il boom del turismo in Giappone ha ridotto l'offerta di camere d'albergo disponibili e ha contribuito a rendere l'arcipelago un mercato in crescita (5 milioni di clienti per Airbnb nel 2016).

"Accogliamo con favore la legislazione", ha detto Yasuyuki Tanabe, direttore Airbnb Giappone. "E 'chiaro, semplice e facile da capire, inoltre riflette le esigenze specifiche del Giappone."

Restrizioni significative

L'autorità ha comunque i suoi limiti. L'alloggio può essere affittato solo 180 notti all'anno. La legge richiede anche a fornitori di tale registro abitazioni con i governi locali. Ancora più importante, consente alle autorità locali di imporre i propri limiti, in modo da gestire i problemi di vicinato.

Come a Barcellona, New York o San Francisco, Airbnb si trova ad affrontare una certa resistenza da parte dei comuni giapponesi, nata delle tensioni derivanti con la popolazione. Non sempre rispettosa delle regole del galateo giapponese (raccolta differenziata dei rifiuti, il rumore, non fumare per strada, ecc), i viaggiatori incauti sono suscettibili di offendere il quartiere.

Vedi: I costumi della casa giapponese

I comuni come Kyoto sono particolarmente sensibile al tema della coesistenza tra la sua gente e turisti stranieri, e già impongono le loro regole.

La nuova legge mostra ancora, per la prima volta, un cambiamento da parte del governo giapponese per la Minpaku (affitto abitazioni private). Il 180 giorni e' un limite indulgente, se confrontiamo le 90 notti a Londra e 60 notti ad Amsterdam.

Si noti che la nuova legge distingue i proprietari che condividono le loro proprie case e proprietari assenti, sapendo che  ci sono più probabilità di essere una fonte di attrito con la popolazione locale.

La domanda salirà ulteriormente

Per alcuni host di Tokyo, le nuove regole possono richiedere loro di scegliere tra rinunciare a una seconda fonte di reddito e di impegnarsi per diventare un operatore immobiliare a tempo pieno. La buona notizia è che la domanda potrà solo crescere. Più di 24 milioni di turisti hanno visitato il Giappone nel 2016, un disco rotto per il quarto anno consecutivo, secondo l'organizzazione turistica del paese. Il governo mira ad aumentare il numero di visitatori a 40 milioni entro il 2020, l'anno delle Olimpiadi di Tokyo.

La sfida sarà quella di coniugare la crescita in un alloggio in affitto e l'armonia con la popolazione locale. Un problema che il Giappone L'esperienza ha riconosciuta dal 2006, fornendo assistenza in loco attraverso i suoi Angeli di viaggio , di educare i suoi viaggiatori alle differenze culturali.

Servizi aggiuntivi

Infine, la nuova legge permette alle aziende di offrire servizi aggiuntivi ai clienti, andando oltre il semplice alloggio in locazione. Questo è ciò che offre per esempio Japan Experience, attraverso una trentina di attività di scoperta e workshop making bento, degustazione di whisky giapponese ecc..

Vedere: Affittare una casa in Giappone

fonte: Bloomberg

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori