Sanja Matsuri   三社祭

Data di pubblicazione :
Ogni anno, il Sanja Matsuri attira una grande folla nel Sensôju, il tempio di Asakusa.

Ogni anno, il Sanja Matsuri attira una grande folla nel Sensôju, il tempio di Asakusa.

Il corteo religioso comincia Sabato pomeriggio, quando un centinaio di mikoshi secondari si riuniscono nel santuario Asakusa.

Il corteo religioso comincia Sabato pomeriggio, quando un centinaio di mikoshi secondari si riuniscono nel santuario Asakusa.

Sanja Matsuri è l'occasione per fare sfilare gli altari sacri (Mikoshi), in onore dei tre fondatori del tempio.

Sanja Matsuri è l'occasione per fare sfilare gli altari sacri (Mikoshi), in onore dei tre fondatori del tempio.

Il Sanja Matsuri è una delle rare occasioni in cui gli yakuza mostrano pubblicamente i loro tatuaggi.

Il Sanja Matsuri è una delle rare occasioni in cui gli yakuza mostrano pubblicamente i loro tatuaggi.

La festa degli yakuza

Il festival più popolare di Tokyo, Sanja Matsuri, riunisce una folla eterogenea in cerca di divertimento.

Sanja Matsuri risveglia il quartiere d’Asakusa dal suo torpore turistico tutti i terzi weekend di maggio. Gli spettatori invadono allora le strade del quartiere per assistere alla sfilata degli altari sacri, i mikoshi, in onore dei tre fondatori del tempio Sensoji.

I tre fratelli Hinokuma, Hanamari e Takenari, secondo la leggenda, avrebbero scoperto una statuetta di Kannon (bodhisattva della compassione) nel fiume Sumida nel 628. Poi, grazie all’aiuto di un ricco proprietario Hajino Nakatomo, che li avrebbe convertiti al buddismo, gli avrebbero dedicato un tempio, il Sensoji. Il luogo di culto shinto più vicino, il santuario d’Asakusa, è stato costruito in seguito e consacrato ai tre compari che vi risiedono permanentemente, trasformati in kami, divinità del culto shinto.

Altari della domenica

Gli altari sono, per l’occasione, risvegliati dal loro torpore e invitati a prendere posto, simbolicamente, nei tre grandi mikoshi che necessitano la forza di quaranta uomini per essere sollevati. La sfilata religiosa inizia il sabato pomeriggio, quando un centinaio di mikoshi secondari, tutti del quartiere, si riuniscono davanti al santuario d’Asakusa prima d’essere portati per le vie vicine. I tre altari principali fanno la loro apparizione solo domenica, alle sei del mattino, e costituiscono l’apogeo di tutto il festival.

Yakuza show

Questo raduno di grandezza monumentale permette di mescolare frange della popolazione tra cui durante l’anno vige una certa distanza, come gli yakuzas. Essi si esibiscono così in fundoshi (sottoveste di sumo), senza pudore nè paura, nella loro veste più semplice per mostrare con orgoglio i loro numerosi tatuaggi che spesso includono il disegno di un vestito, per sempre apposto sulla loro pelle. Oltre alle dimostrazioni al limite del ridicolo degli yakuzas (ma non arrischiatevi a ridere), Sanja Matsuri porta in scena numerosi artigiani o artisti in rappresentazioni originali, e in particolare degli attori vestiti da gru. 

Il venerdi pomeriggio è invece dedicato alla parata musicale, dove i musicisti vivono l’onore di essere trasportati con i kami fino al tempio Sensoji. I ballerini che eseguono la Binzasara, preghiera per la fertilità della terra, affascinano il pubblico durante tutto il pomeriggio. Il festival finisce domenica alle 20, quando i kami ritornano a casa e la vita quotidiana riprende il controllo di Asakusa, fino all’anno successivo.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori