Kiyosumi Koen e dintorni   清澄庭園

Data di pubblicazione :
La casa del tè Ryo-tei, situata su una delle tre isole del giardino Kiyosumi Koen a Tokyo.

La casa del tè Ryo-tei, situata su una delle tre isole del giardino Kiyosumi Koen a Tokyo.

Le anatre nuotano tranquillamente nel giardino Kiyosumi Koen.

Le anatre nuotano tranquillamente nel giardino Kiyosumi Koen.

Le haiku del Matsuo Basho incisa su una pietra Kiyosumi Koen.

Le haiku del Matsuo Basho incisa su una pietra Kiyosumi Koen.

Sul cammino dei giardini

I dintorni del giardino Kiyosumi invitano a passeggiare nel bel mezzo di fiori e alberi, in particolare quando viene la primavera.

Situato nel quartiere Kiyosumi/Shirakawa, antico quartiere commerciale dell’epoca Edo (1613-1868), il giardino Kiyosumi attira tutti gli sguardi. Meraviglia di finezza, ogni pietra che lo compone non è stata posata a caso.

Nel 1878, IWASAKI Ytaro (1835-1885), il fondatore di Mitsubishi che aveva comprato il terreno, decise, per abbellirla, di piazzarvi centocinque enormi peitre, raccolte in tutto l’arcipelago. Sviò persino il corso del fiume Sumida per alimentare lo stagno e creare tre isolotti artificiali, oggi scomparsi perché la loro estensione è alimentata ormai unicamente dall’acqua pluviale.

Su uno degli isolotti ha sede la meastosa casa da tè Ryo-tei. Dall’haiku di Basho inciso su una pietra, al tumulo chiamato “Fuji-san” come la celebre montagna, il giardino Kiyosumi abbonda di sorprese. Questo quadro piacevole ha ricevuto il nome di “sito eccezionale” della città di Tokyo nel 1979.

Dopo esservi immersi nella tranquillità del posto, neanche minimamente perturbata dallo sciabordio delle carpe nello stagno, è possibile dirigersi verso un altro stile di verde, che si organizza attorno a grandi spazi. Il vicino parco omonimo invita all’indolenza sulle sue dolci distese erbose. Il weekend, si riempie di famiglie sorridenti venute a fare un pic-nic e risuona delle grida dei bambini.

E come tregua dalle fantasticherie, la cultura segue la natura. Il parco Kiba, non lontano, accoglie attività molto varie, come jogging e barbecue. Ma il suo interesse principale risiede nel MOT, che l’ha eletto come suo domicilio, e dove arte e natura finalmente si riuniscono.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori