La Galleria Kaikai Kiki   カイカイキキギャラリー

Data di pubblicazione :

Il nuovo pianeta Pop

Si tratta di un punto di riferimento della scena artistica di Tokyo. Takashi Murakami ha scelto il quartiere di Moto-Azabu, nei pressi di Roppongi, il quartiere dei musei, a mettere in gioco la sua Kaikai Kiki Gallery.

La fabbrica Murakami


Prima la galleria Kaikai Kiki aveva il nome della società fondata nel 1996 dall'artista giapponese Takashi Murakami come Hiropon Factory.

"A quel tempo, spiega l'artista, la fabbrica non era altro che un piccolo gruppo di persone che mi hanno aiutato nella creazione di sculture e quadri."

E 'stato nel 2001 che questo laboratorio di produzione, in gran parte ispirato da Andy Warhol divento' un vero e proprio business con il nome di "Kaikai Kiki Co. Ltd".

La produzione di larga scala e la gestione di opere d'arte attraverso la vendita di strumenti derivati ha permesso alla società di assumere un centinaio di persone a Tokyo e a New York.


Leggi anche: Galleria Perrotin si trasferisce a Tokyo

Kaikai Kiki &


Uno è bianco con le grandi orecchie, gli altri tre hanno gli occhi rosa. Kaikai e Kiki sono anche i nomi di due mostri kawaii - che esistono così come le sculture di eroi dei film d'animazione - diventano veri e propri emblemi di movimento Superflat creato da Takashi Murakami nel 1990 che ha ispirato un movimento sia di arte Pop di che di manga e cartoni animati.

Vedere : La cultura pop in Giappone


"In artisti esperti" neo-pop "come Takashi Murakami e Yoshitomo Nara riflettono l'ansia che ha seguito la fine della bolla economica degli anni 1980", dice Yuko Hasegawa, direttore artistico del Museo d'Arte Contemporanea di Tokyo e curatore Japanorama del Centre Pompidou-Metz.

"Forniscono un discorso che, al di là della apparente chiarezza didattica delle loro opere sfida il modello socio-politico ed ecologico del Giappone."

Una nuova generazione di artisti


Il Kaikai Kiki Gallery, situato nel seminterrato di un edificio del quartiere Moto-Azabu è ben lungi dall'essere esclusivamente dedicato al lavoro di Takashi Murakami. Uno dei suoi obiettivi principali e' "incoraggiare e mostrare la prossima generazione di artisti" spingendoli a dare il meglio di sé, ma anche offrire loro l'opportunità per farsi conoscere.

Così si può vedere esposto alla galleria - la cui programmazione è fornito da Takashi Murakami se stesso - artisti giapponesi e internazionali, come ad esempio il suo protetto, il signor, il Tokyoite Chiho Aoshima o il giovane artista cinese He Xiangyu.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori