Ameya Yokocho   アメヤ横丁

Data di pubblicazione :
Il famoso porticato che segna l'ingresso al viale Ameya Yokocho a Ueno.

Il famoso porticato che segna l'ingresso al viale Ameya Yokocho a Ueno.

Un assaggio di Giappone

Le voci logore delle nonne si fondono dietro le pareti delle botteghe. Dei venditori accalappiano i clienti. Il profumo dei pesci freschi, delle spezie e dei dolciumi coglie uno dopo l’altro i passanti. L’animazione dell’Ameya Yokocho inebria immancabilmente i suoi visitatori.

Originariamente dedicato alla vendita dei dolci, questo luogo prende il suo nome dalla parola ame che significa “caramella”. A meno che non venga dalla radice ame di “America”, la via che ha ospitato il più grande mercato nero dei prodotti americani all’indomani della guerra. L’indecisione nell’etimologia riflette perfettamente lo spirito che regna qui: dai polipi essicati alle carte telefoniche internazionali, all’Ameya Yokocho si trova di tutto.

Il mercato, che si sviluppa lungo la via ferrata sopraelevata e che serpeggia tra i suoi piloni – non lontano dal parco Ueno – è uno spazio preservato dalle metamorfosi della città. L’atmosfera sembra essere rimasta la stessa sin dal primo dopoguerra.

A dicembre, gli abitanti di Tokyo vi si rendono per comprare cibarie e regali in vista dell’oshogatsu, il Capodanno giapponese.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori