Home page > Osaka

Osaka
大阪

Castello di Osaka

Castello di Osaka

Osaka - Dotonbori

Osaka - Dotonbori

Osaka - Shinsekai

Osaka - Shinsekai

Osaka - Takoyaki

Osaka - Takoyaki

A buon mercato

« Osaka parla un’altra lingua. Osaka è un barlume di luce tra le ombre giapponesi. Chi non si reca ad Osaka lascerà il Giappone senza aver compreso come un popolo che ha compiuto meraviglie sia restato così umile. »

Albert Londres in Au Japon

Ci sono delle idee che attraversano le epoche, delle opinioni che perdurano. Osaka corre sempre verso il futuro. Polo maggiore di tutte le tecniche innovative, la capitale economica del Kansai è simbolo di ricchezza, audacia ed ospitalità

Porto su un mare interno, il terzo del paese, Osaka, dal IV secolo e poi durante il periodo feudale e fino al XX secolo, ha fondato la sua reputazione commerciale innanzitutto sulla fabbricazione di tessuti, in particolare quelli in cotone, poi sulla sua creatività industriale. Vera e propria « piazza di mercato del paese », come la chiamano i giapponesi, rappresenta la culla dell’industria farmaceutica giapponese e la porta d’ingresso di importanti gruppi stranieri che desiderano stabilirsi nell’arcipelago. Osaka vanta una concentrazione di ricercatore, ben davanti in classifica rispetto a Londra e Parigi. 

« Cucina dell’impero »

Il suo fascino è comunque altrove : nelle sue vie animate, nelle locande calorose e nei mercati fonti di tutte le tentazioni. In constante ebollizione, la città cosmopolita ed amante della buona cucina, battezzata la « Cucina dell’Impero », concentra una miriade di ristoranti e di bar. È ad Osaka che il takoyaki (soufflé di piovra cotta) è nato. 

Rinascimento

Sul delta del Yodogawa, questa metropoli, soprannominata la « città che si bagna nell’acqua » poiché è aperta ai commerci marittimi ed è costellata da canali, fu in grande parte devastata nel 1945 dalle bombe americane. In seguito, è rinata dalle sue ceneri. L’Esposizione Universale del 1970 ha rivelato al mondo la sua vitalità, le sue caratteristiche urbane e le sue competenze particolari care agli investitori.

Simboli dell’eclettica città sono: il quartiere di Namba illuminato anche di notte; l’acquario, di fronte alla baia di Osaka; il parco di attrazioni Universal Studio - il terzo della major hollywoodiana - comparabile a quello di Orlando (Stati Uniti); il quartiere di Dôtonbori, sinonimo di divertimento, sostituto degli antichi « quartieri dei fiori » eufemismo per definire i quartieri di piacere. Splendido ed imponente, il castello di Osaka o Osaka-jô, distrutto dalle guerre e da incendi e sempre ricostruito, veglia sulla città.

Qui, gli abitanti hanno un forte senso di libertà, grazie ai precetti del monaco e poeta BASHÔ (1644-1694), maestro di haïku, e del drammaturgo CHIKAMATSU Monzaemon (1653-1724), autore di celebri spettacoli di bunraku (teatro delle marionnette) e di kabuki.

Seguendo la navigazione su questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie al fine di migliorare l'esperienza dell'utente, fornire contenuti personalizzati in base ai suoi interessi o realizzare statistiche delle visite. Continuando su questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e configurare le preferenze riguardanti i cookie.