Nara Koen   奈良公園

Data di pubblicazione :
Il Parco di Nara

Daini del parco di Nara.

Parco di Nara

Il parco di Nara in autunno.

Parco di Nara

I daini del parco di Nara sotto gli alberi di ciliegio.

A est dei daini

È il parco che costeggia la città o la città che fiancheggia il parco? La città misteriosa di Nara non è simile alle altre in nessuna cosa. 525 ettari di verde occupano la parte orientale dell'antica capitale. 



In questo meraviglioso quadro verdeggiante si trovano il Museo Nazionale di Nara e la sua collezione eccezionale di opere d'arte buddista, lo stagno delle cento leggende Sarusawa-ike od ancora l'imponente Kofukuji ed il suo Museo del tesoro nazionale. 

Eleganti colline boscose e prati curati si stendono a perdita d'occhio. Il segreto di questa perfezione? Dei giardinieri molto particolari. Come a Venezia la piazza San Marco ha i suoi piccioni, Nara ha i suoi daini. Un'orda di cervidi si occupa freneticamente del terreno erboso ed attira l'attenzione dei turisti. 

Questi animali non sono da prendere alla leggera. Considerati come i messaggeri degli dei nella religione scintoista, ucciderli era passibile di pena di morte fino al 1637. Il loro numero diminuì drasticamente durante la Seconda Guerra Mondiale. Le bestie sacre furono private del loro statuto divino alla fine della guerra. 

Ma gli anni della carestia sono lontani. Con più di mille e duecento esemplari, il branco prende la sua rivincita. Per niente timidi, i quadrupedi sono attratti e si avvicinano quando piccoli e grandi si concedono uno spuntino. Quindi prima di lasciare questo ambiente animato e gioioso per andare a contemplare l'imponente Buddha del Todaiji, perché non acquistare un shika-sembei ? Questi dolciumi, espressamente concepiti per gli animali, sono in vendita per 150 yen nei numerosi chioschi del parco. Ecco come vincere la fierezza dei daini. 


Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori