Il villaggio di Ojika   小値賀町

Data di pubblicazione :

Viaggiare in Estremo Oriente

A nord dell'arcipelago di Goto, a ovest di Nagasaki, una catena di 17 piccole isole vulcaniche forma il comune Ojika, la cui principale isola ha lo stesso nome. Ojika offre una fuga affascinante per scoprire un Giappone diverso e selvaggio, a soli 50 chilometri dalle rive di Kyushu.

L'isola di Ojika non è molto grande: poco più di 25 km 2 per circa 2.600 abitanti, ma è tuttavia e' ricca di paesaggi e ha diversi siti interessanti da visitare.

Un ricco passato

Un vecchio porto e passaggio di pesca, l'isola ha salutato le navi cinesi del VII secolo. Nel XVII secolo la balena lo ha reso un luogo prospero. L'isola manteneva stretti legami con Lord Hirado di Nagasaki ed era la più ricca delle Isole Goto. Il suo terreno relativamente piatto ti invita a camminare a piedi o in bicicletta, attraverso i campi di riso oi villaggi pittoreschi o ai margini delle sue belle coste.

Visitare Ojika

Fukuefuki, il centro storico, è ancora costituito da case tradizionali in legno. C'è una piccola impresa che affumica il pesce, e un impianto di stampa, Shinkosha, che offre laboratori dove è possibile stampare da soli le tue carte da visita. Il giovane proprietario fa parte della quarta generazione che è riuscita a mantenere questa attività familiare in questo angolo remoto del Giappone. Nella città c' è anche il più antico edificio in legno delle isole Goto, il santuario shinto Mannichido , dipinto di rosso.

Leggi : Gunkanjima, l'isola fantasma

Il santuario di Kojima , fondato 1300 anni fa, con una vista sull'isola di Nozaki , è difficile da accedere, ma merita una visita, se solo per il panorama. Il parco di Bandake, il parco Kuroshima, il Parco Nazionale di Sakai e il Parco Nazionale dell'Akahama, con la sua famosa "Red Beach" e la scogliera Akadaki, offrono bellissimi sentieri escursionistici e splendidi panorami. La lunga spiaggia Kakinohama, a ovest di Ojika, è perfetta per nuotare. A nord dell'isola, vicino al capo di Hamasaki, sono le scogliere di Goryodaki .

Leggi anche : Museo 'nascosto' di Nagasaki

Una visita al museo culturale e storico di Ojika , che si trova in una splendida casa tradizionale, ci permette di capire meglio la storia dell'isola e dei suoi dintorni e apprezzarne la ricchezza culturale.

Un'esperienza indimenticabile

Per un'esperienza autentica in questo angolo remoto del Giappone, ti consigliamo di dormire in una delle sei vecchie case tradizionali (denominate " kominka" ) che sono state rinnovate e possono essere affittate. Ojika è un luogo senza tempo all'estremo ovest del Giappone, lontano e difficile da visitare, poiché gli autobus sono infrequenti e gli oratori sono quasi inesistenti.

Per leggere : Minka, le case del Giappone

Estendere il soggiorno

Se avete un po 'di tempo, ti consigliamo di combinare una visita di Ojika con quella della vicina isola di Nozaki , a 30 minuti di traghetto. Nel XVII secolo i cristiani giapponesi si stabilirono a Kyushu, e per sfuggire a persecuzioni sistematiche, si stabilirono nelle isole Goto, mentre Nozaki era uno di loro, sebbene adesso sia disabitata.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori