Isola di Nozaki   野崎島

Data di pubblicazione :

L'isola dove il tempo non trascorre mai.

Nozaki è una piccola isola fuori Sasebo, a Kyushu. Adesso disabitata, nel XVII secolo essa era un rifugio per i "cristiani nascosti" nella regione di Nagasaki che fuggivano dalle persecuzioni. Anche se piccola, (7,36 km 2 ), Nozaki non è meno eccitante.

Nozaki è un luogo senza tempo che si può scoprire a piedi, lungo sentieri o percorsi ripidi. Non ci sono caffè, ristoranti o addirittura negozi. La natura è re e gli unici abitanti sono i cervi selvatici e i piccioni viola.

Un rifugio per i cristiani perseguitati

Tuttavia, questa piccola isola era abitata fino all'autunno del 2001, una volta servita come una terra di benvenuto per i cristiani che fuggivano dalla persecuzione nell'era del Edo (1603-1868). Nel 1908, i loro discendenti costruirono una chiesa, la chiesa di Nokubi , considerata come una delle più belle chiese del Giappone. Costruita da mattoni rossi, essa sorge solitaria su una collina che si affaccia sul quartiere Nokubi, una delle tre zone di insediamento dell'isola, che comprendeva circa duecento abitanti. La chiesa è chiusa, ma è possibile visitarla con appuntamento presso l'ufficio turistico dell'isola vicina di Ojika.

Leggere: Il silenzio di Martin Scorsese (2017)

Testimoni alla presenza umana sull'isola per molto tempo, il santuario shinto su Okinokojima  risale a più di 1.300 anni. Esso sii affaccia sul santuario dello stesso nome sull'isola di Ojika . Situato a nord di Nozaki, è abbastanza difficile accedere, ma l'atmosfera e la vista lo valgono. Subito dietro il santuario di Okinokojima, in mezzo alla fitta vegetazione, ci sono pietre megalitiche, chiamate oeishi . Due rocce da 24 metri di altezza supportano una lastra di copertura da 5 a 3 metri. Questo è un grande mistero di Nozaki, come nessuno sa se queste formazioni sono naturali o artificiali.

Un'isola accogliente

Vicino al porto di Nozaki era uno dei tre luoghi che abitavano gli abitanti dell'isola, nominati anche Nozaki. Oggi, qui è arrivata la maggior parte delle barche, rendendo il posto il più trafficato dell'isola. Le persone pescano e si può anche dormire presso il vicino villaggio Nature-learning , a 20 minuti a piedi. Qui gli edifici in legno di un'ex scuola elementare, chiusi nel 1985, sono stati ristrutturati e convertiti in alloggio. È possibile affittare camere per gruppi o camere singole per uso privato (bagno e toilette sono condivisi), ma non ci sono ristoranti o negozi. Non dimenticate di portare le vostre bevande e del cibo; è possibile utilizzare la cucina in comune. Una parte del reddito dell' alloggio è dedicata alla protezione e alla conservazione dell'ambiente e delle proprietà culturali dell'isola. Le prenotazioni devono essere effettuate almeno una settimana in anticipo.

Leggi anche : villaggio Ojika

La spiaggia di Nokubi, lunga 300 metri con acque blu cobalto, è perfetta per nuotare o fare snorkeling. Al mattino, si può ammirare l'alba. Soltanto le pareti basse che supportano vecchi campi di riso terrazzati restano della presenza dei "cristiani nascosti" e dei loro discendenti che una volta vivevano nel distretto di Funamori , nel sud dell'isola. La bellezza del sito ha un lato malinconico quando si immagina la vita dei 600 abitanti che abitavano questo bel luogo selvaggio.

Vedi : Museo della storia cristiana di Nagasaki

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori