Il festival Nagasaki Kunchi   長崎くんち

Data di pubblicazione :

Ripristino delle tradizioni

Kunchi è il nome di un festival organizzato ogni anno in autunno (7-9 ottobre) a Suwa-jinja, un santuario scinto a Nagasaki.

Nel 1634 è iniziata la costruzione dell'isola di Dejima , l'unico punto d'accesso in Giappone per gli stranieri durante il grande periodo di isolamento, e per la prima volta questo festival è stato uno dei più grandi in Giappone insieme a Hakata e Karatsu.

Un ritorno alle tradizioni giapponesi

La creazione di questo festival ha avuto un chiaro obiettivo: assicurarsi che tutta la popolazione fosse interessata e che partecipi a un festival tradizionale giapponese, muovendosi il più lontano possibile dalle credenze cattoliche . Il XVI secolo era un tempo in cui il cristianesimo era fortemente stabilito sull'isola di Kyushu e molti giapponesi si convertivano a questa nuova religione, abbandonando lo shinto , l'anima del Giappone ancestrale. Nagasaki era la città più internazionale del Giappone, influenzata da culture straniere: cinesi, vietnamiti, olandesi e portoghesi, e questo si può vedere nei vari carri che sfilano per le strade durante il festival Kunchi.

Leggi : Oura, la più antica chiesa del Giappone

L'organizzazione del festival Kunchi

Il primo giorno, i tre kami (dèi) che risiedono al santuario Suwa-jinja, guidano i tre mikoshi (galleggianti) in un palazzo temporaneo l' Otabi-sho . Dopo un riposo di tre giorni, il terzo giorno una sfilata si svolge a Suwa-jinja con il mikoshi, con mille persone. Alle 7 del mattino, prima di partire, gli abitanti offrono le loro offerte al santuario. La città di Nagasaki è suddivisa in 59 distretti, ognuno di questi e' suddiviso in 7 gruppi che vi partecipano a turno in sette anni, ecco perché ci vogliono sette anni per vedere l'intera festa. Ogni quartiere ha un'offerta speciale, denominata dashimono , preparata quattro mesi prima del festival.

Leggi : Il ponte Megane a Nagasaki

Offerta del festival

Queste offerte possono assumere diverse forme come il buyo di Nihon, la danza tradizionale giapponese; un carro di barca o un ballo di drago. Durante la sfilata gli spettatori gridano: "Motte koi!" , Che significa "ancora una volta" . È un fantastico spettacolo, le folle sono selvaggie e c'è una grande atmosfera in Suwa-jinja, che è piena al punto di scoppiare. Il festival prosegue anche per le strade della città e davanti al santuario di Otabi-sho e Yasaka-jinja . Tutti a Nagasaki risonano con l'atmosfera calda delle festività di Kunchi.

Questo video ti mostra le diverse tappe del Kunchi e la sua atmosfera pazza:


Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori