Setsubun   節分

Data di pubblicazione :
Setsubun

Maschere e fagioli utilizzati per la cerimonia di Setsubun.

Setsubun

Personalità lanciano fagioli per la cerimonia Setsubun.

Setsubun

Venditori di fagioli nella stazione.

Fagioli vs Demoni

Questa festa di primavera (in anticipo: il 3 febbraio) è l’occasione per scacciare le cattive influenze gettando sui demoni dei fagioli magici. A Kyoto, sono le geishe a condurre questo celebre rituale.

Il 3 febbraio, vigilia ufficiale di primavera, i giapponesi celebrano il ritorno delle stagioni calde facendo delle vere e proprie “pulizie di primavera”! Colgono infatti l’occasione per esorcizzare i demoni che si sarebbero stabiliti da loro durante l’inverno. Come? Partecipando al Mame maki, il lancio di fagioli, e pronunciando nel frattempo la formula magica “Oni wa soto! Fuku wa uchi!” (Fuori i demoni! Dentro la buona sorte!).

Geishe e Demoni

Numerosi templi ospitano la festa e organizzano degli eventi speciali. Il santuario Yasaka organizza la più grande celebrazione in città, e le geishe sono il fulcro del festival. I fedeli bruciano degli amuleti e degli oggetti personali negli immensi bracieri, mentre i monaci praticano dei riti purificatori.

Il Kitano Tenman-gu e l’Heian-jingu la mettono sul ridere, e organizzano delle rappresentazioni teatrali di Kyogen e di danze tradizionali. Il Rozan-ji organizza una famosa danza dei demoni (Oni odori) caratterizzata dai costumi e dalle movenze grottesche.

Se a Kyoto le geishe sono al centro della festa, a Tokyo è invece usanza coinvolgere delle celebrità (uomini politici, lottatori di sumo, star della televisione…) per il lancio di fagioli. La città di Nara celebra invece un Setsubun scintillante.

Sushi di primavera

Il 3 febbraio, il Giappone intero lancia i preziosi fukumame (fagioli della fortuna)… e li degusta! L’usanza vuole infatti che si mangi un numero di fagioli pari alla propria età, e anche un fagiolo in più per ottenere buona salute e lunga vita. A Tokyo, i fagioli si possono trovare un po’ dappertutto, ma il negozio Mamegen (a Azabujuban) ne è il più grande esperto dal 1865.

Un'altra tradizione a Setsbun è quella di mangiare un lungo futomaki (un sushi largo, rivestito d’alga e contenente pesce crudo e verdura) battezzato ehomaki, il tutto guardando verso una direzione precisa, scelta ogni anno secondo la buona sorte. A fine giornata, i fuochi della gioia infiammano la città da ogni parte, ultime vestigia di un anno finito e testimoni di un nuovo inizio.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori