Ponto-cho   先斗町

Data di pubblicazione :
Ponto-cho

Vicolo del quartiere Ponto-cho.

Aperto di notte

A Ovest del fiume Kamo e del canale Takasegawa, il quartiere spericolato dei vagabondaggi nebbiosi e degli ipotetici viaggi voluttuosi si risveglia a fine giornata e si attarda fino a dopo mezzanotte. Sulle rive del fiume, le terrazze dei ristoranti, illuminate da lanterne, non sono affollate nei giorni soleggiati. Una caffetteria all’aperto si apre lungo la riva. Per quanto riguarda la cucina, informatevi in anticipo, troverete i migliori e i peggiori ristoranti l’uno di fianco all’altro. Conseguenze del turismo.

Rivale di Gion, Ponto-cho è stata nota per lungo tempo nell’arcipelago per le sue ochava (casa del the) dove le geiko (geisha a Kyoto) e le maiko (apprendiste geisha) esercitavano i loro talenti. Ponto-cho dori, la viuzza dalle case in legno, cristallizza la memoria del “mondo fluttuante”. Oggi, dietro le shoji (porte o finestre scorrevoli), l’eleganza passata ha lasciato posto ai clienti dei bar, delle bancarelle e degli izakaya (pub di tapas di moda in Giappone), per la gioia dei nottambuli in cerca di sagge evasioni.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori