Il castello Kumamoto-jo   熊本城

Data di pubblicazione :

La leggenda del castello inespugnabile

Una visita imperdibile a Kumamoto, per immergervi nella vita del castello.

Avvicinandosi alla fortezza non si vede altro che le sue mura massicce che si innalzano dietro ai larghi fossati, costellate da feritoie dietro le quali gli arcieri prendevano posizione per impedire agli nemici d’avvicinarsi. Il castello di Kumamoto è uno dei più grandi esempi di architettura militare dell’epoca Edo (1600-1868), e combina il fascino dei grandi castelli giapponesi (Himeji, Matsumoto) con gli elementi difensivi essenziali in caso di assedio.

Torre e segrete

A sinistra dell’ingresso svetta la torre Uto yagura, il solo elemento originario rimasto (1607). Questa torre era utilizzata come deposito per gli armamenti e ospitava le guarnigioni. Ma il luogo più importante di tutto il castello è nascosto dagli sguardi esterni: le segrete(tenshukaku), una volta riservate alla cerchia ristretta del signore Hosokawa, erano ingatti l’ultimo rifugio possibile, qualora i nemici fossero riusciti a oltrepassare la cinta muraria…

Oggi ospitano un museo incantevole dedicato alla storia del luogo, dove si possono trovare una rappresentazione in miniatura del castello nel XVII secolo, delle armature dell’epoca, e altri oggetti appartenenti alla classe guerriera.

50 Giorni di assedio

Lo si diceva impenetrabile, e il castello di Kumamoto non ha mai smentito la sua reputazione… neanche durante la guerra civile scatenata dalla rivoluzione Meiji. Nel 1877, il signore di Satsuma (Kagoshima), Saigo Takamori, ostile alle riforme attuate dal nuovo imperatore, lanciò le sue truppe all’attacco della fortezza, che ospitava allora delle truppe imperiali.

L’assedio durò più di 50 giorni,  intervallato da battaglie sanguinose come quella di Tabaruzaka, durante la quale 15000 samurai di Takamori tennero testa a 90000 uomini fedeli all’imperatore. Il castello fu anche vittima di un gigantesco incendio (sarà ricostruito nel 1960 e poi ancora alla fine degli anni ’90), ma non sarà mai conquistato: in una sola notte, l’armata imperiale sconfisse le truppe di Saigo Takamori grazie ad un attacco a sorpresa, mettendo fine alla famosa “rivolta di Satsuma”.


Passeggiata nel Castello di Kumamoto, video HidetoGamingJP

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori