Chiran   知覧

Data di pubblicazione :

Dai Samurai ai Kamikaze

Questo borgo del sud di Kagoshima era una volta una zona residenziale per samurai, e un’importante base di decollo degli aerei kamikaze.

Al centro della penisola di Satsuma – tra Kagoshima e Ibusuki – Chiran è l’occasione per una simpatica escursione (di mezza giornata o giornata intera) nel Giappone rurale e meno frequentato, dove le piantagioni di the verde si estendono a perdita d’occhio (soprattutto in primavera, poco prima della prima raccolta).

Come un samurai

La piccola borgata ha conservato lo charme dell’epoca Edo grazie alle numerose case dei samurai che bordano la via Bukeyashiki Dori.

Ristrutturati, molti di essi sono aperti alle visite – qualche stanza soltanto, perché alcuni sono ancora abitati dai discendenti del clan Shimazu, che ai tempi regnava sulla regione (vedi il Shoko Shusei-kan di Kagoshima). I loro giardini valgono la visita, modelli di raffinatezza, cinti da muri di pietra ricoperti di muschio.

Si può anche pranzare “come un samurai” da Taki-an, una delle ultime dimore della via, che propone di piatti ispirati alla cucina aristocratica locale dell’antico regime.

Tora Tora Tora *

È soprattutto il Museo della Pace dei Kamikaze che i turisti vengono a visitare a Chiran, da dove partirono numerosi aerei riempiti d’esplosivi durante la battaglia d’Okinawa (1945).

Una visita sconvolgente e silenziosa, attraverso le testimonianze lasciate da questa generazione sacrificata: lettere d’addio, affetti personali, fotografie, e qualche esemplare (intatto) degli aerei utilizzati per gli attacchi kamikaze (dei Mitsubishi Zero).

Uscendo sulla via, delle piccole bancarelle propongono una delle specialità locali: la patata dolce satsuma imo.

* dal titolo di un film americano-giapponese sull'attacco a Pearl Harbor (1970).

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori