Monte Fuji alla 5a stazione   富士山

Data di pubblicazione :

Al di sopra del mondo fluttuante

Sebbene meno popolare rispetto agli altri percorsi, il percorso da Fuji-Yoshida ha poche sorprese per gli escursionisti, e rende per un indimenticabile percorso in dislivello dal primo alla quinta stazione.

La antica via di pellegrinaggio, il Yoshidaguchi (sentiero Yoshida), che unisce la quinta stazione del monte Fuji, inizia non lontano dal Sengen Jinja. Questo santuario, situato ai margini della foresta, era usato come punto di raccolta per i pellegrinaggi e conserva ancora un'aura speciale come l'ultimo edificio sulla soglia della montagna sacra. Un sentiero accidentato, che a volte si perde in un boschetto, lo Yoshidaguchi permette agli escursionisti di prendersi il loro tempo per godersi l'escursione.

Da una breve camminata ad una vera e propria escursione

Da Sengen Jinja - il solito punto di partenza per le passeggiate fino alla cima - ci vogliono circa sei ore per raggiungere la quinta stazione. I puristi fanno l'intera salita in un giorno. Cominciano a camminare presto nel pomeriggio, poi riposano dalle 18 alle 23 in un rifugio prima di unirsi alla folla di turisti della quinta stazione, che arriva a mezzanotte in autobus, per affrontare la venerabile montagna. Gli escursionisti non si preoccupano, il sentiero è adatto anche per brevi passeggiate, senza la necessità di raggiungere la cima o addirittura raggiungere la quinta stazione, che può essere fatto tutto durante l'anno in quanto la parte inferiore e boscosa del Monte Fuji è protetta dal ghiaccio permanente. Ma se stai mirando alla vetta, prendi la tua bottiglia d'acqua e il tuo vello! La salita è lunga e le temperature scendono rapidamente con l'altitudine.

Niente è facile o può essere dato per scontato sul sentiero Yoshida. Per vedere anche il primo edificio lungo questo percorso, la casa da tè Nakanochaya, c'è bisogno di camminare già circa per un'ora. Quando aperto, questo ristorante è l'ultimo punto di rifornimento prima della quinta stazione, e vi permette di recuperare le forze prima di continuare la salita, tenendo presente che è difficile tornare dopo una lunga sosta (ed essere nutriti)! Per quanto sia difficile mantenere il passo degli escursionisti esperti, il paesaggio è fonte di grande motivazione per la camminata. Selvaggia e misteriosa, la foresta, che mostra le sue meraviglie lungo il percorso, ha generato molte storie che è meglio non pensare se si sta per intraprendere questa strada. Il Fujisan (un titolo onorifico) rimane uno dei pochi luoghi selvaggi in Giappone e da cui si ispirano molte fantasie. Possono comprendere la presenza di scimmie nella carne, ma sfortunatamente, dopo tre ore di cammino, gli unici primati che incontrerete saranno delle sculture che incorniciano un torii (porta rossa che indica l'ingresso in un territorio sacro) e uno spazio in cui i pellegrini usavano lasciare i cavalli. Mentre gli escursionisti attraversano il cancello torii, lasciano questo spazio temporale per unirsi a quello spirituale.

Il culmine del sincretismo religioso

Dopo tre ore e mezza di cammino, raggiungerete la prima stazione. Questa stazione potrà causare delusioni nelle aspettative, quindi dobbiamo sottolineare che si tratta di una vecchia stazione. L'attuale edificio in legno è chiuso al pubblico, così come i seguenti quattro, alcuni dei quali sono completamente caduti in rovina. Non ci sarà la possibilità di riempire la vostra bottiglia d'acqua o di ricevere un caloroso benvenuto. Da questo punto, i punti simbolici scandiscono l'ascesa e le stazioni sono utilizzate solo per sedersi, spesso tranquillamente su un tronco d'albero per una pausa. Tra la seconda e la terza stazione, il sentiero entra nel Nyonin Tenjo, che, come il Nyonindo sul Koyasan, era lo spazio sacro riservato alle donne. Alle donne fu negato l'accesso alle parti superiori del monte Fuji fino al 1832, ma l'arrivo di un'eccentrica donna inglese che sfidò il divieto, aprì loro la strada. Una volta passato il piccolo altare usato dalle donne per rendere omaggio alla montagna, la quinta stazione è a solo un'ora di cammino. Sulla strada le offerte alle divinità scintoiste incontrano statue buddiste, dimostrando la capacità dei giapponesi di unire questi due culti attorno a un forte simbolo del paese, la montagna sacra personificata e la paura della sua ira.

Una salita appagante

Nessuno può ignorare il fatto che il vulcano è ancora attivo e potrebbe eruttare da un momento all'altro. Può essere percepito nell'atmosfera, poiché la tranquillità è talvolta mescolata a un senso di pericolo pressante, in gran parte ingiustificato a causa delle precauzioni prese dalle autorità locali e della presenza di un posto di sicurezza presso la settima stazione. Tuttavia, non è consigliabile lasciare il percorso, e per chiunque lo faccia, è a proprio rischio. Alcuni escursionisti che lo hanno fatto e si sono persi hanno riferito che le loro grida di aiuto sono state ascoltate solo da quelle di una cerva in preda al panico.

"Chi ha il Monte Fuji scalato una volta è un uomo saggio. Chi l'ha fatto due volte è un pazzo" 

Detto Popolare

Mentre il sentiero Yoshida giunge al termine, la quinta stazione espone un complesso di piccoli altari. Un pò più in alto, i primi rifugi accolgono escursionisti senza fiato e assetati, ma c'è anche chi è soddisfatto da questa full immersion della spiritualità giapponese e della natura che li circonda. Dopo poche ore di riposo, gli audaci possono continuare la salita seguendo il solito sentiero che inizia sul pendio alla destra di Yoshidaguchi e si prepara a vedere il sole splendente del mattino sulle cime frastagliate del Fujisan. In alto, il sole sorge al centro e sentirete un senso di pace sopra di voi. Anche se doveste smettere di salire e vi concedeste qualche momento di riflessione, ne avrete già guadagnato molto. Più che un pellegrinaggio o il desiderio di vedere l'alba dalla vetta, l'ascesa del Monte Fuji è principalmente una sfida personale che molte persone svolgono solo una volta nella vita. Una volta avviato questo processo, non si tratta solo di raggiungere la fine ... come è ben noto che quando si viaggia non è la destinazione che conta, ma la strada percorsa.


Informazioni pratiche: i bagagli possono essere lasciati alla stazione Kawaguchi-ko. Ci sono dei negozi nelle stazioni Kawaguchi-ko e Fuji-Yoshida che vendono tutta l'attrezzatura necessaria per la salita (comprese le torce elettriche).

La stagione aperta per scalare il Monte Fuji va da luglio a metà settembre, anche se le condizioni meteorologiche impreviste spesso rendono impossibile un'escursione.

Il sentiero Yoshida può essere utilizzato tutto l'anno, ma solo nell'area boscosa, il ghiaccio rende impossibile andare più in alto al di fuori della stagione dell' arrampicata. Tuttavia, non è consigliabile avventurarsi troppo lontano, poiché i rifugi e i posti di sicurezza sono chiusi fuori stagione.

Per il percorso e le indicazioni esatte per evitare di perdersi fate riferimento agli opuscoli forniti alle stazioni (in inglese) che potrebbero esservi di grande aiuto.

Importante: il Monte Fuji è un parco naturale protetto e classificato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Per questo motivo, è importante rispettare la sacralità e la pulizia.


Scopri anche in HAKONE

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori