Le vetture riservate alle donne nei treni   女性専用車

Data di pubblicazione :

Solo donne

Le molestie sessuali sono tristemente argomenti d'attualità in tutto il mondo. In Giappone, per proteggere il sesso femminile dai palpeggiamenti eventuali le imprese ferroviarie hanno limitato l'accesso ad alcune vetture al gentil sesso.

Le macchine per le donne: una pratica antica


Nel 1912, la linea di Tokyo Chuo ha istituito carrozze riservate alle donne per separare gli studenti nelle ore di punta, e fino alla seconda guerra mondiale è scoppiata. Nel 1920 è stata la volta della città di Kobe prenotare interi tram per le signore, mentre nel 1930, la società ha proposto treni Hankyu dedicati a studentesse che viaggiano da Kobe a Nishinomiya, una città di quindici di chilometri di distanza. Dopo la seconda guerra mondiale, le ferrovie, l'Chuo ha riservato alle carrozze per le donne e per i bambini, perché hanno trovato estremamente difficile entrare in treni affollati da uomini. Queste macchine sono state sostituite nel 1973 dal sistema di posti prioritari.

Un sistema per la lotta contro gli stupri


Se le carrozze riservati alle donne e studentesse sono scomparse verso la metà del ventesimo secolo, i viaggiatori palpeggiatori sono rimasti. In un sondaggio condotto all'inizio del 2000 da parte della società Tokyo Metropolitan Police e la stazione JR, due terzi delle donne di età compresa tra 20 e 40 anni hanno riferito di essere stata vittima di palpeggiamenti, Chikan (termine che significa al tempo stesso il colpevole e l'atto di toccare qualcuno senza il loro consenso) in treni affollati. Questi risultati hanno spinto alcune aziende ad agire e hanno cominciato a riservare intere carrozze per le ore di punta transitore, o altre per tutto il giorno, ma solo nei giorni feriali. Nel 2000, la linea Keio, che collega Shinjuku e Tokyo, è stata una delle prime vetture ad offrire posti riservati per le donne. In primo luogo ha proposto questo servizio per ore di sera  e le ora di punta su treni espressi.

Nel 2001, JR East ha seguito l'esempio per le ore tarde sulla linea Saikyo, che collega Tokyo a Saitama Prefettura ed era tristemente famoso per le peloteurs che hanno approfittato della folla e delle lunghe distanze per i loro atti malvagi. L'anno successivo, lo stesso sistema è stato applicato nelle ore di punta la sera.

Lettura: Parole da sapere per prendere il treno in Giappone

A Osaka, a partire dal 2002, la linea metropolitana Midosuji ha offerto carrozze riservate alle donne. Questa linea era conosciuta come la peggiore per il problema chikan. Il sistema si e' dimostrato molto efficace (le denunce da parte delle vittime  sono diminuiti di un terzo in un anno) ed è stato fissato per il giorno e non solo nelle ore di punta. Hankyu Line ha anche seguito l'esempio offrendo carrozze "solo donne"  per tutto il giorno. Nel 2002, è stata la volta della compagnia JR WEST che he prenotato alcune auto per le donne nelle ore di punta.

Dal 2005, la maggior parte delle aziende che operano linee di Tokyo hanno carrozze riservate alle donne. Alcuni di essi consentono l'accesso a queste vetture ai ragazzi frequentano la scuola primaria, i disabili e chi si occupa di loro (uomini o donne).

I segnali sulle piattaforme indicano quali sono le carrozze i giorni e gli orari riservati per le donne.

Chikan: agisce punibile dalla legge


Il problema chikan è preso molto seriamente dalle ferrovie e le autorità e tutti coloro condannati per palpeggiamenti avranno una pena detentiva o una multa fino a 500.000 yen (3.700 €). I pannelli nelle stazioni ricordano che palpeggiare è un reato punito dalla legge. Ma, come in tutto il mondo, la maggior parte delle donne vittime di tali atti non osa protestare, se non gridando "Chikan", a volte è difficile da fermare il colpevole che e' fuggito prima che l'entourage reagisce.

Il problema opposto è emerso allo stesso modo: alcune donne accusano gli uomini per ricevere una somma di denaro. Questo argomento è stato spiegato anche in un film uscito nel 2007: "mo Sore, Boku wa Inai Yatte" ( "non ho fatto che") basato sulla storia vera di un uomo innocente accusato "palpeggiatore" di una studente su un treno. Inoltre, alcuni uomini richiedono carrozze riservate per i signori per non essere accusati ingiustamente e altri si sentono offesi perche' possono essere trattati come potenziali "imbroglioni". Ma i sondaggi mostrano che la maggior parte dei passeggeri - uomini e donne - sono per questo sistema di segregazione.

Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori