Keigo   敬語

Data di pubblicazione :
Un portiere che apre la porta di un taxi giapponese ad una cliente.

Un portiere che apre la porta di un taxi giapponese ad una cliente.

Cortesia estrema

In giapponese, ci sono due livelli principali di linguaggio: linguaggio informale, caratterizzato da forme verbali di base, e linguaggio più educato, teineigo , che include forme verbali più elaborate. Ma lo sapevi che esiste un terzo livello?

Keigo è il terzo livello del linguaggio in giapponese e viene utilizzato quando si esprime un grado molto alto di cortesia .

Keigo e le sue sottodivisioni

Il registro gentile , o keigo , è a sua volta diviso in due flussi. Da un lato, sonkeigo o linguaggio onorifico , che è destinato a migliorare le azioni di chi stai parlando. D'altra parte, kenjgo , o linguaggio umile , che mira a "sminuire" le proprie azioni in ordine di nuovo, elevare, con chi stai parlando.

L'uso del keigo

Comunemente, keigo viene utilizzato nelle relazioni cliente-dipendente. Il dipendente utilizzerà la forma umile per i verbi che esprimono le proprie azioni. Allo stesso modo, userà la forma onorifica per riferirsi alle azioni del cliente. Funziona anche tra i partner commerciali . Ad esempio, l'espressione "heisha", "la nostra umile impresa" è usata per riferirsi alla propria compagnia, e "kisha" o "onsha" , "il tuo business onorevole" per riferirsi a quello dell'altra parte.

Il verbo si forma in base al grado di educazione

Per un verbo, ci sono diverse forme a seconda del livello della lingua . Prendi ad esempio il verbo "essere". La forma base, proveniente dal registro informale, è iru . Diventa imasu nella sua forma educata. La sua forma sonkeigo (onorifica) è irassharu / irasshaimasu (forma base / forma educata). Infine, l'umile forma kenjgo è oru / orimasu (forma di base / forma educata). Confuso ancora? State tranquilli, i giapponesi sono ugualmente confusi dalle forme verbali inglesi!

Da leggere : Akimahen, la guida alle buone maniere

Keigo nella vita di tutti i giorni

Itadakimasu è una tipica parola keigo che si sente regolarmente nella vita di tutti i giorni. È spesso tradotto come "buon appetito" o qualcosa di simile, detto prima che le persone inizino a mangiare. In realtà, è la forma umile del verbo "ricevere" ( morau ). Significa quindi "Ricevo umilmente (ciò che mi offri da mangiare)" e quindi ringrazia la persona che ha preparato il pasto.

Per significare Sir o Madam in giapponese, aggiungono il suffisso "-san" dopo il cognome. La controparte più educata è "-sama" (es .: "Tanaka-sama"). Questo modulo viene utilizzato quando si rivolge a un cliente, una persona di alto rango nella società, ecc.

Infine, trovi spesso prefissi onorari in keigo di fronte a parole comuni. Questi sono prefissi "o" , come in o-niku (carne) o o-tearai (il gabinetto); e "vai" , come in go-renraku (contatto), go-ryoshin (i tuoi genitori) ... Questi prefissi sono usati regolarmente nella vita di tutti i giorni. È impensabile, ad esempio, dire semplicemente "ryoshin" quando si parla dei genitori di qualcun altro, anche di quelli di un amico. Tuttavia, ci sono alcuni che usano questi prefissi in modo eccessivo per abbellire il loro discorso!

Leggi anche : Tipici gesti giapponesi


Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori