Bunraku   文楽

Data di pubblicazione :
La marionetta è l'eroina, al centro dell'attenzione, di tutte le precauzioni del teatro bunraku.

La marionetta è l'eroina, al centro dell'attenzione, di tutte le precauzioni del teatro bunraku.

Dietro le quinte, le marionette sono accuratamente pettinate e vestite come attori reali.

Dietro le quinte, le marionette sono accuratamente pettinate e vestite come attori reali.

Stampe del teatro Bunraku.

Stampe del teatro Bunraku.

Un burattinaio a viso scoperto, manipola la sua marionetta.

Un burattinaio a viso scoperto, manipola la sua marionetta.

Gli spettacoli del teatro Bunraku sono recitati con bambole giapponesi.

Gli spettacoli del teatro Bunraku sono recitati con bambole giapponesi.

Tra il palco e la finzione, da tre a cinque artisti danno vita ad un corpo inanimato.

Tra il palco e la finzione, da tre a cinque artisti danno vita ad un corpo inanimato.

Amante, guerriero, monaco, sacerdote, o avventuriero, eroe o personaggio storico ... la marionetta interpreta un ruolo al pari dei burattinai.

Amante, guerriero, monaco, sacerdote, o avventuriero, eroe o personaggio storico ... la marionetta interpreta un ruolo al pari dei burattinai.

Performance e gesti

Dimenticatevi delle piccole marionette, e dimenticate i timori nel non poter capire una parola di giapponese di quest' arte dello spettacolo. Lo spettacolo del Bunraku potrà aiutarvi a conquistare le vostre paure.

L'uomo guarda il burattino. Si concentra solo su di esso mentre gli occhi dello spettatore trovano difficoltà nell' abituarsi alla presenza oscura. Mentre la stanza è nera come la pece, delle forme vestite di nero con mosse pronunciate, il burattinaio, conduce il ballo, e colui il cui volto è "scoperto, liscio, chiaro, impassibile, freddo come una cipolla bianca che è stata appena lavata" (Roland Barthes, The Empire of Signs, citando Basho Matsuo) gli apre la strada nel prender vita. Questa cipolla bianca incontra un altro oggetto bianco, il volto di un eroe di legno in miniatura.

L'emozione sublime

Nel XVII secolo nacque il Ningyo joruri, letteralmente "arte narrativa con bambole". Durante l'era Genroku (1688-1703), due uomini hanno dato vita a questa forma d'arte, e tuttora è ancora rappresentata ed eseguita allo stesso modo. Il musicista e cantante Gidayu Takemoto (1651-1714), che ha arricchito lo stile di recitazione già esistente, si presenta con il nome di Gidayu. Un altrettanto famoso drammaturgo e regista, Monzaemon Chikamatsu (1653-1724), portò una dimensione psicologica ai personaggi e alla narrativa, dando così molta più profondità all'arte letteraria del ningyo joruri che creò il suo genere, sewamono.

Un'arte preservata

Fu sotto l'era Meiji (1868-1912) che il bunraku, che fino ad allora era stato chiamato ningyo joruri, ricevette il suo nome da BUNRAKUKEN Uemura, un teatro fondato nel 1872 a Osaka, il Bunrakuza. Nel ventesimo secolo, il bunraku doveva ancora affrontare un futuro incerto: questo nobile spettacolo conobbe un'oscurità quotidiana. Finalmente nel 1955 lo stato riconosce il bunraku come un importante patrimonio culturale. Un conservatorio nazionale dedicato all'arte è stato creato nel 1963 e il Teatro Nazionale Bunraku di Osaka è stato inaugurato nel 1984. Nel 2003, l'Unesco l'ha battezzato come un Intangible Patrimonio dell'Umanità.

"Uno spettacolo totale, ma diviso," Roland Barthes in The Empire of Signs

Tre burattinai operano in una specie di corridoio leggermente arretrato. Il maestro allo scoperto controlla la testa e il braccio destro, e il suo primo assistente, coperto di nero dalla testa ai piedi, maneggia la mano sinistra, mentre il secondo, spesso disteso a terra, muove i piedi e gioca con gli zoccoli. Le bambole misurano circa i due terzi del corpo umano. Personaggi secondari, meccanismi ancora complessi, possono essere gestiti da un singolo burattinaio.

L'offset su un lato del palco, un musicista sulle note giuste, un'emozione, una tensione, un sospiro per accompagnare i movimenti del burattino. Suona lo shamisen, uno strumento a tre corde. Un altro interprete, che recita urla, grida, sussurra, canta, interpreta il suono maschile di un samurai o il sussurro di una cortigiana. Non legge le battute, le vive.

"La centralità dei gesti" (commenta Paul Claudel sul burattino del bunraku)

Amante, guerriero, monaco, sacerdote o avventuriero, eroe o personaggio storico ... il burattino si impadronisce di un ruolo proprio come se stesso. È l'eroina, il centro dell'attenzione di tutte le precauzioni minuziose. È fatto di piccoli gesti che gli danno vita. Si nutre dei sacrifici umani che umanizzano. È il pennello, la pittura e la tela di un dipinto. Questo è ciò che gli artisti creano simultaneamente per rappresentare il bunraku. La trama è dipinta, i movimenti sono disegnati, il suono è scolpito. Nulla è lasciato al caso, una precisa armonia non lascia spazio all'improvvisazione.

Creando una distanza

Tra il palcoscenico e la storia, dai tre a cinque artisti danno vita a un corpo inanimato. Eppure ogni gesto, ogni parola, ogni suono e ogni manipolazione vengono scomposti in modo che la consistenza umana si perda formando un gruppo omogeneo, promuovendo l'effetto distanziatore tanto caro a Bertolt Brecht. Con il bunraku, nessuna catarsi o autocommiserazione, nessuna identificazione o approssimazione, ma solo ciò che nasce nello spettatore: si assiste, ma le tecniche ermetiche sono abbastanza efficaci, lontane dallo scoprire l'inclinazione nell' identificarsi con i personaggi o la trama.

Un'orchestra di sottofondo fornisce suoni aggiuntivi. Dietro le quinte, i burattini sono attentamente acconciati e vestiti, un'altra arte a sé stante dato che le tinture e gli abiti dei materiali cambiano nel tempo, il sesso del personaggio o la sua classe sociale...

Il burattino diventa umano e gli umani diventano marionette, i loro movimenti lisci e precisi danno vita a una perfezione quasi meccanica. Ciò che è meno sorprendente allora è vedere all'opera i più famosi artisti chiamati "Tesori Nazionali Viventi" per il loro talento e maestria che hanno saputo dimostrare per così tanto tempo.


Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori