Shojin ryori, il cibo dei monaci buddisti   精進料理

Data di pubblicazione :

Al tavolo buddista

Una specialità vegetariana, spesso vegana, è seguita da monaci e credenti in aree influenzate dal buddismo cinese. Si chiama shojin ryori in giapponese, che può essere tradotto come "cibo di devozione".

In Giappone la cucina shojin ryori è più diffusa nei templi Zen o nei loro dintorni, soprattutto a Kyoto .

I precetti del buddismo in cucina

Fu nel tredicesimo secolo che i monaci cinesi Zen arrivarono in Giappone, introducendo per la prima volta shojin ryori . Spiegata in modo molto semplice, questa cucina è basata sul principio fondamentale del buddismo, che vieta di "prendere la vita" , quindi di uccidere qualsiasi essere vivente. Per questo motivo non c'è carne o pesce, ma nemmeno cipolle e aglio, poiché consumare queste verdure sarebbe "ucciderle" - poiché' le radici vengono mangiate. Il Shojin ryori è quindi del tutto vegetariano, spesso anche vegano, in quanto alcuni non usano le uova.

Leggi : zen

È necessario rispettare le stagioni e utilizzare prodotti locali, vivere in armonia con la natura ed evitare sprechi a tutti i costi. Alcune ricette permettono di utilizzare le cime e la pelle delle carote, le foglie dei ravanelli e così via ... di solito nei brodi.

Il buddismo prescrive una dieta austera ma nutriente, senza alcool o carne, combinata con l'esercizio fisico per mantenere il corpo sano, favorendo il lavoro spirituale . In Occidente abbiamo il detto "una mente sana in un corpo sano", e il giapponese shojin ryori incarna perfettamente questa idea!

I piatti Shojin ryori

Le varie restrizioni della dieta non impediscono che la cucina buddista sia bella o varia di ingredienti e sapori. Infatti shojin ryori non trascura tutti i piaceri dei sensi. In un tempio o in un ristorante che serve questa cucina Zen, spesso si assaggia tempura vegetale stagionale e / o tipica , radice di loto, zucca o semi di gingko.

Leggi anche: tempura

Ci sono anche molte preparazioni diverse di tofu (in fogli, cubi, fritti, zuppe ...) e un'altra sostanza simile, da non confondere con il tofu, che si chiama yuba (nata latte di soia bollente ). Si usano spesso piccoli fiori o foglie che guarnite i piatti. Un brodo di dashi a base di alghe e una ciotola di riso bianco accompagnano naturalmente ogni pasto.

L'arte del tavolo

In alcuni templi e ristoranti, specialmente quelli progettati per introdurre la cucina tradizionale giapponese, il servizio di shojin ryori può sembrare piuttosto simile a kaiseki . Il Kaiseki è un pasto gourmet tradizionale giapponese, composto da molti piccoli piatti e che combina diversi metodi di cottura, per una completa esperienza gustativa .

Vedi : Vegetariano in Giappone

Questi due concetti si combinano perfettamente, poiché shojin ryori cerca l' armonia con la natura negli ingredienti scelti e l'arte del kaiseki si basa sull'armonia tra i gusti, le consistenze e l'aspetto del cibo. Tuttavia, un pasto kaiseki non sarà necessariamente vegetariano.

Secondo questa ricerca di armonia, i piatti shojin ryori vengono serviti in ciotole o piatti dove possibile, e chi li mangia è chiamato a vedere una rappresentazione cosmica del mondo in esso ...

Tuttavia in Giappone  nei templi dove i turisti soggiornano - nella Regione di Koyasan per esempio - tutti questi principi non sono necessariamente seguiti alla lettera ed i monaci ospitanti spesso cercano di rendere la loro cultura più comprensibile ai turisti.


Commenti Scoprite i commenti dei nostri viaggiatori

Le ciotole

Ho provate a comprare su Amazon ma sono piccole rispetto a quelle che usano i monaci dove posso trovare per acquistare quelle classiche