Hervé Laruelle

Hervé

Dopo aver sfogliato un libro fotografico sul Giappone, Hervé decide di dare un'occhiata ai prezzi dei biglietti aerei e parte il mese successivo per il suo primo grande viaggio all'estero.
Arrivato sul posto, capisce immediatamente che le sue tre settimane di congedo estivo non basteranno a soddisfare il suo desiderio di scoprire il paese. Vi tornerà quindi nei due anni successivi.
In seguito, decide di lasciare il suo posto di lavoro come venditore di mobili per trascorrere un primo anno a Kyoto, prendendo parte a uno scambio tra Francia e Giappone.

Il suo percorso

Dopo aver sentito parlare di un programma di apprendimento intensivo di Aikido a Kyoto, Hervé decide di imbarcarsi in questa avventura.
Un altro anno trascorso in Giappone in un dojo tradizionale rafforza il suo attaccamento alla città e alla relativa cultura.
Negli ultimi quattro anni, Hervé ha avuto la possibilità di vivere a Kyoto. Arricchito da incontri ed esperienze grazie al mondo delle arti marziali, vuole condividere con te la sua passione per questa meravigliosa città.

I suoi consigli per voi

Da non perdere :

Saga Toriimoto a nord di Arashiyama.
Questa affascinante strada fiancheggiata da case tradizionali poco conosciute dai turisti ha un aspetto rustico con i suoi bei tetti di paglia.
Dopo aver passeggiato nella foresta di bambù, vieni a rilassarti nella quiete lontana dal trambusto del distretto di Arashiyama.
Non perderti il tempio Adeshino nenbutsu, situato nella stessa strada, e le sue 8000 statue di Buddha in pietra.

Da portare :

Tonno bonito (katsuobushi) e alga kombu per fare il brodo dashi, una delle basi della cucina giapponese.

Cose da fare :

Passeggiare per le strade del quartiere Miyagawachō dopo il tramonto: alla luce delle lanterne di questo tipico quartiere (uno dei più belli di Kyoto), avrai la possibilità di incontrare una Geiko o una Maiko.

Parole da conoscere :

"Gochiso sama deshita": da dire dopo aver mangiato o uscendo da un ristorante al cuoco e allo staff per informarli che il pasto ti è piaciuto e allo stesso tempo per salutarli.
"O kaikei onegaishimasu": uno dei modi per chiedere il conto.

Piatti da provare :

Yakitori: Piccoli spiedini di pollo, di solito cotti alla griglia e semplicemente salati o imbevuti in una salsa agrodolce di tua scelta. Una vera delizia!

I miei consigli: "tsukune" (polpette di pollo tritato condito), "seseri" (o "mi" a seconda dei ristoranti), "negima" (petto di pollo e cipolle), "sunazuri" (ventriglio) 

Più tradizionale: la fonduta giapponese sukiyaki. In un brodo leggermente dolce, la carne dona un sapore delizioso a verdure, funghi e tofu che accompagnano il piatto.

Trappole da evitare :